Il nostro Network: News | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Magazine | Wedding/Matrimoni |
Mercoledì 18 Luglio 2018

Lo Sposo è minimal chic

A differenza dell’abito da Sposa, da sempre molto più legato allo stile fiabesco e principesco e che solo da pochi anni ha provato ad adattarsi ad una donna più moderna e meno tradizionale, l’abito da sposo è da sempre più ricettivo riguardo alle tendenze della moda uomo.

Ad eccezione degli intramontabili, ma più classici completi come il tight ed il frac, l’abito dello sposo, proposto dalle maggiori sartorie italiane, è sicuramente più

“minimal chic”, ma con grande attenzione ai materiali ed alle tessiture, volte a soddisfare le esigenze di un futuro sposo sempre più attento al dettaglio.

L’uomo moderno ama vestire abiti così detti “slim-fit”, che possano avvolgere la figura maschile con un taglio molto più giovanile ed idoneo a chi non ama troppo le tradizioni.

Per chi, però, è ancora legato all’ideale dello sposo classico, in ogni collezione si potranno trovare soluzioni davvero interessanti, in puro stile “dandy”, come i tight, sempre adattissimi alle cerimonie di mattino, proposte con accessori importanti, che vanno dai cappelli a cilindro, al bastone da passeggio, per finire con dei gemelli coordinati.

Ma passiamo a spiegare in breve quali sono i modelli con i quali uno sposo dovrà confrontarsi:

Tight

Indicato per le cerimonie celebrate nel mattino o nel primo pomeriggio, il tight è costituito da una giacca in fresco lana nelle nuances del nero/grigio con code larghe, fasciante sui fianchi e da

indossare rigorosamente allacciata. I pantaloni sono in gessato grigio e nero. Con il tight è d’obbligo il doppio petto, sempre e rigorosamente in tinta unica, tono su tono o nelle tonalità più chiare per dar luce all’intero completo. Fondamentale sarà la scelta della camicia, ovviamente bianca (o avorio), con polsini da gemelli e colletto rigido.

Frac

Per quanto concerne la cerimonia pomeridiana o serale, l’abito ideale sarà il Frac (o marsina), caratterizzato dalle code a rondine. Il frac deriva da un modello settecentesco e prevede: giacca blu scuro o nera, con coda, pantaloni con banda di raso, panciotto bianco in piquet, camicia con sparato inamidato e colletto diplomatico, il farfallino o papillon, anch’esso in piquet bianco (se nero si darebbe vita al famosissimo smoking).

Abito classico (completo tre pezzi)

Un abito classico, ma con giacca rigorosamente monopetto, senza spacchi (o con uno spacco) e con tasche a filetto ed in tessuto pettinato. I colori consigliati sono il sempre elegantissimo blu, il classico nero o l’intramontabile grigio. Il completo a 3 pezzi è sicuramente la soluzione più attuale e quella più duttile, dato che potrete tranquillamente indossarlo sia in cerimonie mattutine che serali.

Concludiamo con un breve glossario dei termini con i quali si andranno a confrontare gli sposi durante la scelta del proprio abito:

DROP

il drop è una sigla che indica il tipo di vestibilità di un abito , giacca e pantalone, in Italia, una convenzione utilizzata da tutte le grandi aziende di confezione. Esso va dalla misura 0 alla 10, in cui avendo la 6 (o regular) come misura standard, andremo verso il basso per le taglie più “comode” e verso l’alto per le taglie più slanciate.

GRAMMATURA

La grammatura è il peso, espresso in grammi, di un metro quadro di tessuto e costituisce una indicazione del quantitativo complessivo di fibra presente nel tessuto e quindi della qualità dell’abito stesso.

GEMELLI

bottoni gioiello, per la chiusura dei polsini delle camice più eleganti;Boutonnière: è una decorazione floreale da posizionare all’altezza dell’occhiello dell’abito da uomo.

Può essere composta da un solo fiore o da una piccolissima composizione.

 

F. Saverio Russo

Professional Wedding Planner & Personal Stylist

Indimenticabile Eventi

www.italian-weddingplanners.com

Invia una domanda

Devi aver fatto il login per inviare una domanda.